L’Oman, tra le montagne e il deserto

Grazie al sultano Qaboos bin Said il piccolo regno omanita ha mantenuto la sua identità e si presenta oggi come un Paese moderno, efficiente e tranquillo: trai suoi confini racchiude montagne di 3000 metri, con spettacolari canyon, palmeti e minuscoli villaggi dai tratti tradizionali; i deserti di Wabi Sand e più a sud l’infinita distesa del Rub al Cali; belle spiagge del dar nei dintorni di Salalah ed anche più a nord nella Penisola del Musandan.

L’Oman, tra le montagne e il deserto L’Oman, tra le montagne e il deserto

Le possibili tappe di un viaggio in Oman sono la capitale Muscat da dove iniziare il percorso in auto verso le montagna del Jabel Sands e dell’Hajar; esplorare il deserto di Wahiba e trascorrere qualche giorno al mare a Salalah (di prossima apertura l’esclusivo resort Anantara) o nell’enclave omanita del Musandan incorniciata tra i monti a picco sullo stretto di Hormuz. Periodo più adatto per il viaggio è il nostro inverno, tra novembre e aprile, mentre in estate si registrano più di 40 gradi.

L’Oman, tra le montagne e il deserto L’Oman, tra le montagne e il deserto

L’Oman, tra le montagne e il deserto L’Oman, tra le montagne e il deserto

 

Muscat
The Chedi Muscat: ambiente minimale e molto elegante per 151 camere con una partiicolare attenzione per i dettagli e servizi di grande qualità. Affacciato in riva al mare dispone di 6 ristoranti ed una rilassante spa balinese. Da trascorrervi almeno 3 notti.


ghmhotels.com/muscat

 

Le Montagne dell’Hajar
Alila Jabel Akhdar: resort incassato tra i monti dell’Hajar a circa 2000 metri di altitudine. Una linea architettonica discreta dal design sostenibile e dall’impeccabile servizio per 86 camere. Circa 3 ore di auto da Muscat e poco più di un’ora da Nizwa. Un bene passarci almeno 2 notti per assaporare l’atmosfera incantevole e incontaminata soprattutto con le fioriture primaverili di aprile.


alilahotels.com/jabalakhdar

 

Wahiba Sands, il deserto
Desert Night Camp: tra le dune arancioni di Wahiba Sands il campo fisso è composto da 26 eleganti tende pavimentate e molto confortevoli. Raggiungibile solo con veicoli 4x4 lungo una facile pista ben segnalata. Indispensabile trascorrervi una notte nel corso dell’itinerario omanita.


omanhotels.com/desertnightscamp/

 

La Penisola del Musandan
Six Senses Zighy-bay: una lunga spiaggia circondata dalle aspre montagne del Musandan che sorvegliano lo stretto di Hormuz accoglie il raffinato resort Six Sense in 82 ville in pietra naturale e dal design contemporaneo. Si raggiunge con 2 ore di auto da Dubai.


sixsenses.com/zighy-bay